Mangiare sano lavorando da casa si può.

Come Ti Organizzo

Siamo a casa.

Siamo annoiati o semplicemente vogliamo fare un break.

Il frigo e la dispensa ci chiamano lusinghieri. Peggio ancora se lavoriamo da casa, in questo periodo di emergenza Covid-19 o stabilmente.

Cosa fare e cosa non fare per evitare di mettere su ciccia in maniera incontrollata se lavoriamo da casa?

Non mangiate davanti al PC

Innanzi tutto, fissatevi un orario e spazio preciso per consumare i pasti. Non mangiucchiate davanti al PC né pranzate davanti al PC. É un biglietto di sola andata per il sovrappeso. Fidatevi di chi ha commesso questo errore e a fatica sta tornando indietro.

Giocate d’anticipo contro la fame e la pigrizia

Al mattino o la sera prima di andare a letto, preparate del cibo sano da tenere in vista e che sia già pronto per voi da mangiare (la fame o la pigrizia o semplicemente la fretta vi portano a scegliere cibi…

View original post 289 altre parole

Frittata Fit di albumi e spinaci (vegetariana)

Le Ricette di Cle

Alzi la mano chi non ha almeno in proposito di rimettersi in riga per davvero. Un applauso a chi è già tornato nei ranghi ed ha ripreso con l’alimentazione ed il movimento ordinari. Ormai sono passate tre settimane dalle feste e dall’inizio dell’anno ed oggi è il Blue Monday, la giornata in cui siamo tristi perchè vediamo infrangersi sugli scogli della procrastinazione i nostri buoni propositi.

Il punto non è certo che i nostri obiettivi dobbiamo raggiungerli entro la fine di gennaio, ci mancherebbe. Ma quanto meno muovere il primo passettino verso l’obiettivo prefissato, quello si.

Che sia questa frittata quel primo passettino?

Trattasi di una “non ricetta” di riciclo che ho messo su per smaltire un po’ di albumi ma che ha ottenuto un discreto successo. Ottima per un regime proteico e/o ipocalorico.

Provatela e vi sentirete un po’ più in linea con i propositi di vita sana, e…

View original post 164 altre parole

Filetto di spigola al vapore con insalata tiepida e piccante di pomodori

Le Ricette di Cle

Una ricettuzza light, semplice (sta tutta nel titolo) ma sfiziosetta da preparare in pochissimi minuti. In più a base di pesce che mi auguro di proporvi sempre più spesso.

A dirla tutta, consumo regolarmente il pesce, ed in particolare le spigole che mangerei a chilate. Fortunatamente vicino alla scuola di mia figlia c’è un’ottima pescheria per cui la mattina, quando accompagno lei, faccio una piccola deviazione e mi assicuro la mia quantità settimanale di pesce fresco. Dato che in casa sono l’unica a mangiarlo, non mi pesa nè mi dispiace chiedere al pescivendolo di provvedere lui stesso a pulirlo, sollevandomi in 10 secondi dell’unica incombeza sgradevole! Oltretutto quando vado io non c’è nessuno, per cui nessuno si rammarica del poco tempo in più che richiede la mia spesa.

Dicevo, consumo regolarmente le spigole, ma… con poca fantasia anche perché a me il pesce piace davvero con null’altro che un pizzico…

View original post 365 altre parole

AAA: Accountability Partners cercasi per rimettersi in riga con la dieta!

Accountability partner: un termine inglese che indica una persona a cui dover “dare conto” dei propri progressi!

Raggiungere il peso forma, perché non resti un mero proposito svolazzante nell’etere, è un vero e proprio obiettivo (o progetto di vita) e come tale deve essere trattato.

In tema di perseguimento degli obiettivi, e soprattutto quelli che incidono sullo stile di vita e sulla motivazione interna, occorre trovare le giuste leve e le motivazioni che davvero possono pungolarci e tenerci concentrati lungo tutto il percorso, soprattutto quando la strada da percorrere si preannuncia lunga.

A dicembre mi sono rivolta nuovamente ad una nutrizionista, in passato aveva funzionato, ma devo purtroppo constatare che dopo un mese e mezzo non riesco a rimanere concentrata, e nemmeno la leva economica del dover pagare ogni seduta senza concreto risultato mi sta aiutando a mantenere la concentrazione, nemmeno il guardaroba che ormai non mi rappresenta come vorrei.

Allora, ho riesaminato meglio la mia passata esperienza con le diete, quello che per me funziona in generale nel perseguimento di un obiettivo, quello che mi manca ora, è avere una persona (o un gruppo di persone) a cui dare conto dei miei progressi (o mancanza di progressi).

Negli ultimi anni, da quando ho partorito, ho quasi esclusivamente lavorato da casa, e questo ha diminuito in maniera drastica le occasioni in cui “misurarmi”, non solo con le persone che incontravo quotidianamente, ma anche con i vestiti, con quello che ti andrebbe di indossare, con quello che non puoi più permetterti, non a livello economico ma di taglia, vestibilità, decenza.

In gravidanza non ho acquistato molto peso, meno di 13 kg. L’idea di non nuocere a mia figlia ha costituito un più che valido deterrente contro il cibo in eccesso. I chili li ho presi dopo, quasi senza accorgermene.

Per vari mesi il peso in più mi ha quasi “fatto comodo”: ho scoperto di essere invisibile, nonostante occupassi gradualmente più spazio! Al mare mi sentivo stranamente più a mio agio con i chili in più (nella mia invisibilità) che in tutti gli anni in cui mi sentivo gli occhi addosso, con il costante timore che tutti notassero i miei difetti.

Il peso in più era diventato una specie di comfort zone: poco sforzo, invisibilità… molto comodo… molto dannoso!

Le cose belle accadono fuori dala comfort zone. E’ risaputo.

Non merito di rendermi invisibile. Non merito di autolimitarmi sino a questo punto.

Tuttavia, per quanto sappia benissimo cosa dovrei fare e cosa no, per quanto sappia perfettamente cosa devo mangiare, cosa no, quanto, che dovrei fare movimento e tutta la teoria possibile ed immaginabile (molta sintetizzata nei post di questo blog)… ho bisogno di ricordarmi tutti i buoni motivi per cui dovrei farlo costantemente, ogni giorno, ogni ora.

Alcuni giorni ci riesco. Altri meno. Altri per nulla.

Per questo ho bisogno dell’aiuto di qualcuno che voglia intraprendere questo cammino con me. Con determinazione e fiducia.

Per questo ho deciso di rispolverare questo blog e di richiamarvi all’attenzione.

Non mi importa della prova costume. Mi importa solo stare bene. Mi importa liberarmi in maniera sana, definitiva di questi 20+ chili di troppo.

Voglio farlo per me. Per chi possa trarre ispirazione dalla mia esperienza. Per mia figlia. Per un possibile secondo figlio.

Vuoi farlo anche tu? Ti senti in una situazione simile alla mia? Lasciami un commento sotto e raccontami la tua esperienza. Costituiamo un Gruppo Facebook. Passiamo all’azione insieme! Ti aspetto!

using-filters9

PS: Astenersi venditori di integratori, beveroni e simili.

 

Focaccia integrale alle bietole (Whole wheat focaccia with beets)

Adoro le bietole, ed adoro metterle in questa focaccia integrale.
Si, lo so che fa troppo caldo per accendere il forno, ma salvatevi ugualmente questa ricetta per le giornate più fresche! 😀

Le Ricette di Cle

(Click here for the English Version)

Gli anglofoni etichettano con “the Keepers” le ricette “da tenere”, quelle da inserire nel ricettario principale della famiglia e riproporre più volte come una delle ricette preferite e “fondamentali” che non stancano mai.

Questa è per me una di quelle. Di semplice esecuzione, adattabile in base al gusto personale e a quello che c’è in casa, genuina ed addirittura vegana. Buona a merenda come in pausa pranzo in ufficio o addirittura per il pic-nic di pasquetta. E’ anche una ottima idea come secondo da proporre ai vostri ospiti vegani o vegetariani.

La ricetta è frutto di mio adattamento di una ricetta trovata su La Cucina Italiana, presentata come piatto tipico abruzzese (il Calzone alle Bietole). Io l’ho arricchita utilizzando un impasto integrale per la base della focaccia e adattando il ripieno al mio gusto. Provatela e fatemi sapere e soprattutto…

View original post 264 altre parole

Rosette di Zucchine alle briciole (Videoricetta)

Un contorno semplicissimo e gustosissimo, amico della linea!

Le Ricette di Cle

Se seguite il mio blog lo sapete e magari siete stanchi di leggerlo: io non amo le zucchine! Eppure, le utilizzo così tanto in cucina (e con così tanta soddisfazione) che forse sarebbe ora che ammettessi con onestà intellettuale che invece le apprezzo. E invece no. Non mi piacciono, perché da sole, o come piace dire ad alcuni, in purezza proprio non riesco a mandarle giù (ed io sono una di quelle che mangia per educazione tutto!).

Questa è una delle tante ricette in cui amo mangiarle. Vi ho fatto anche la videoricetta! E’ un contorno molto semplice ma d’effetto, dal sapore rustico, ma dall’aspetto sofisticato. Potreste ben servirlo anche in un buffet oppure in un pranzo tra amiche, trovando il giusto equilibrio tra calorie e gusto. Perfetto anche per vegani e vegetariani.

Provatele e mi direte.

Ingredienti per 4 porzioni (*):

  • 2 zucchine medie
  • 100g pangrattato
  • 50g formaggio grattugiato (facoltativo…

View original post 160 altre parole

Due idee (veloci e light) con l’orzo

Adoro i cereali e le miriadi di alternative che possono inventarsi alternative a risotti ed insalate di riso.
Qui due idee velocissime a base di orzo, di cui una completamente vegana.

Le Ricette di Cle

Se mi seguite da tempo lo sapete che le ricette che preferisco sono quelle svuotafrigo, possibilmente anche che diano la possibilità di rispondere in pochi istanti alla domanda “che preparo oggi?” . Ecco queste due ricettine a base di orzo (e pomodorini) sono nate proprio dalla stessa esigenza. Anzi, dopo averle postate su Instagram (a proposito… mi seguite anche su Instagram, vero?!!) un paio di amici mi hanno messaggiato dicendomi che l’avevano preparata anche loro seduta stante!

Vi propongo due versioni, una vegan l’altra onnivora, entrambe semplici e personalizzabili in base a quello che avete in frigo. Pronti? Via!

Watermark1.526656282816E12.pngInsalata di orzo con crema di ceci (Vegan) (*)

Ingredienti per 2 porzioni

  • 1 vasetto di ceci già cotti (fatti da voi o comprati, non importa)
  • 150g pomodorini (io preferisco i datterini)
  • 120g orzo perlato
  • dado da brodo (facoltativo)
  • 2 coste di sedano
  • olio evo q.b.
  • erbe aromatiche a piacere

View original post 250 altre parole