Crudaiola saporita

Semplice semplice, buona buona, senza sbattimento! Volendo può essere adatta anche per un pranzo fuori porta o in ufficio,  calda o fredda. La provate oggi stesso?

Ingredienti (per 2 porzioni)  
160g pasta corta
150g pomodorini
60g speck a cubetti
40g scamorza affumicata a cubetti
q.b. rucola
2  cucchiai olio evo
q.b. sale e pepe
1 spicchio di aglio (facoltativo)

crudaiola

Procedimento  
1. Mentre cuoce la pasta tagliare la scamorza a dadini e lo speck a listarelle spesse. Sgrassare leggermente lo speck su una piastra o una padella antiaderente.
2. Raccogliere il tutto in una ciotola sufficientemente grande e buttarvi dentro la pasta scolata al dente.
3. Condire con olio a crudo, rucola fresca e pepe. Servire calda o fredda.
4. Se non vi piace il sapore dell’olio crudo potete farlo insaporire in una padella con uno spicchio d’aglio e lasciarlo sfrigolare per qualche istante prima di condire la pasta.
Annunci

Crema di cannellini

Lo so che siamo ancora in piena calura, ma visto che arriverà Beatrice a breve a portare un po’ di fresco, magari vi andrà di sperimentare questa crema di cannellini che ho provato qualche giorno fa. La ricetta è presa da una confezione di pastina all’uovo Barilla, completamente vegetariana (se si usa pasta di semola anche vegana), adattabilissima a qualsiasi piano alimentare.

Se utilizzate fagioli già cotti la preparazione vi richiederà pochissimi minuti (anche se per salvaguardare il gusto meglio utilizzare dei fagioli cotti da voi, magari preparati in abbondanza in precedenza!). In più è un modo simpatico per far mangiare i legumi ai bambini o comunque proporre un piatto “light” al resto della famiglia senza che nessuno ne abbia a male! ;D

Ingredienti per 4 persone:

  • 200g quadretti o altro formato da minestra
  • 500g fagioli cannellini già cotti
  • 100g carote
  • 20g cipolla
  • uno spicchio di aglio
  • 4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva (o secondo il vostro piano alimentare)
  • sale e pepe
  • rosmarino

Procedimento:

  1. Rosolate in una casseruola la cipolla e l’aglio e unite i cannellini, le patate tagliate a cubetti ed un litro d’acqua (o brodo). Aggiustare di sale e pepe e cuocere per 15 minuti. Quindi frullate il tutto ottenendo una crema.
  2. Tagliate la carota a cubetti e saltatele in padella con un cucchiaio di olio. Nel frattempo cuocete la pasta.
  3. Servite la pasta adagiandola sul letto di crema di cannellini. Guarnite con le carote saltate in padella, del rosmarino e, volendo, un filo di olio a crudo .
  4. A piacere servite con dei crostini di pane o con dell’olio piccante.

quadretti in zuppa di cannellini

LampadinaCompletare il pasto con una porzione di verdura (cruda o cotta) e del formaggio (se il vostro piano alimentare prevede un secondo).

LampadinaPer farne un piatto unico potete unire alla crema dei gamberi o degli scampi! Occhiolino

minestra di merluzzo

minestra di merluzzo

Quella che vi presento oggi è una coccola autunnale. Una rassicurante minestra (a me questa piace poco brodosa) a base di verdurine e merluzzo, la cui gustosità deriva proprio dal cuocere in poca acqua tutti gli ingredienti in modo che i sapori restino tutti belli concentrati nel vostro piatto e non dispersi in un brodo troppo allungato. Una specie di pasta risottata insomma.

Ingredienti per 2 persone:

  • 100g tempestina o midolline
  • 300g merluzzo (per le preparazioni last minute va bene anche quello congelato)
  • una carota
  • una costa di sedano
  • mezza piccola cipolla
  • una patata
  • due/tre cucchiai scarsi di olio evo
  • sale q.b.
  • acqua calda q.b.
  • a piacere altre verdure sminuzzate per rendere la minestra un piatto unico

Procedimento:

  1. Mettere a cuocere in un pentolino sufficientemente grande il merluzzo con circa un litro di acqua e le verdure tagliate  a piccoli pezzi, aggiustare di sale.
  2. Dopo pochi minuti di cottura aggiungere la pasta in modo che arrivi a cottura insieme al pesce. Aggiungete acqua calda al bisogno man mano che viene assorbita dalla pasta. A circa due minuti dalla fine aggiungere anche l’olio se non lo gradite a crudo. Quindi servire!
  3. Piccoli accorgimenti: non salate molto il brodo, non essendo una minestra molto diluita, se esagerate rischiereste di trovarmi una pietanza troppo salata, meglio aggiustare di sale a cottura quasi ultimata. Se preferite potete spezzettare il pesce frantumandolo durante la cottura. Questo lo renderà anche adatto a dei bambini. Io l’adoro!!!

Cous cous nel Lunch Box!

P1010070

Cous cous con salsiccia e zucchine (15/20 min):

  • 70g cous cous precotto
  • 150g zucchine
  • 150g salsiccia
  • sale, pepe, olio q.b.
  • un rametto di rosmarino e bacche rosa per decorare e profumare

Preparare il cous cous secondo le indicazioni sulla confezione (5 min) e conditelo con uno o due cucchiai di olio e sale.
Scaldare una padella di acciaio sul fuoco senza grassi, quindi cuocere a fuoco vivo la salsiccia spezzettata (5 min). Intanto tagliare la zucchine a cubetti e versarla in padella. Lasciar cuocere insieme altri 3 o 4 minuti, eventualmente con il coperchio. Aggiungere sale e pepe.
Nel vostro portapranzo sistemare da un lato il cous cous, e dall’altro lato la carne con la verdura (oppure se preferite mischiate tutto, ma così andrà via più tempo!!). Pronto! Velocissimo da preparare, molto utile per la pausa pranzo in ufficio!

Pasta e fagioli un po’ diversa

Ieri un’amica e passata a trovarmi per pranzo, allora ho deciso di arricchire in maniera un po’ diversa (e al mio solito svuotafrigo) la pasta e fagioli che avevo in programma. Voto? 10+scarpetta!!! ahahahaha

Ingredienti per due persone:

  • 100g pasta piccola 
  • 250g fagioli cannellini cotti
  • 40g speck (o pancetta)
  • 10g olio (anche 15g dipende quanto condite le verdure di accompagnamento e dal vostro piano alimentare)
  • 4 pomodori secchi (se sott’olio tamponateli)
  • qualche ago di rosmarino
  • aglio

Procedimento:

  1. Mettere a cuocere la pasta e nel frattempo in una padella ben calda tostare lo speck tagliato a listarelle senza aggiungere altro olio.
  2. Quando lo speck ha cambiato colore aggiungere i fagioli,l’aglio in camicia, i pomodori secchi spezzettati e il rosmarino. Infine aggiungere l’olio e cuocere per altri due o tre minuti (se però gradite il sapore dell’olio crudo, potete aggiungerlo alla fine).
  3. Scolare la pasta al dente, condirla con i fagioli aggiungendo se la si desidera più brodosa qualche cucchiaio di acqua di cottura. Accompagnare con un’insalata verde.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ stata ottima, la mia amica che non è a dieta ha fatto la scarpetta!!! Occhiolino

Finta pizza

Voglia di pizza ma è troppo tardi per impastare? La vostra pizzeria a domicilio ha il turno di chiusura? siete a dieta e non volete peccare troppo??

La finta pizza è un’ottima soluzione! Ogni tanto anche da Cotto e Mangiato esce fuori qualche buona idea!!! Dedicata a Lilla! Occhiolino

finta pizza

Non vi sembra poi tanto finta??? Effettivamente in alcune zone d’Italia in certe pizzerie il dubbio che servano piadine invece delle pizze resta. Ecco come ho preparato questa.

Ingredienti per due finte pizze:

  • due piadelle Mulino Bianco (70g l’una)
  • 1 mozzarella (120g) tagliata a fettine
  • polpa di pomodoro (6 cucchiai circa)
  • capperi, origano, sale
  • due/tre cucchiai di olio

Procedimento:

  1. Scaldare il grill del forno. Condire la polpa di pomodoro con un pizzico di sale, capperi, origano e un cucchiaio di olio.
  2. Sistemare le piadine sulla leccarda del forno (senza ungerla o usare carta da forno), versare sopra la polpa di pomodoro e adagiarci le fettine di mozzarella. Un giro d’olio e in forno sotto il grill. Giusto il tempo di far sciogliere la mozzarella e dorare i bordi (circa 7/10 min.)

Provatela e ditemi che ve ne pare!

Orecchiette con le cime di rapa

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per 2 persone:

  • 200g orecchiette fresche
  • 400g di cime di rapa già pulite
  • un pizzico di bicarbonato (facoltativo)
  • 3 filetti di alici sott’olio ben tamponate
  • 1 spiccho di aglio privati del germe interno (la parte verde, che è indigesta)
  • peperoncino
  • capperi (facoltativi)
  • 4 cucchiai scarsi di olio d’oliva (20g)
  • sale q.b.

Procedimento:

  1. In una pentola di acqua bollente salata e con l’aggiunta di un pizzico di bicarbonatoo (per favorire una migliore cottura e digeribilità) mettere a cuocere le cime di rapa, praticando un taglio a croce alla base dei fusti che risultino essere più spessi, in modo da avere tempi di cottura uniformi.
  2. Quando sono cotte, prelevarne una parte (circa un terzo o più) e frullarle con il minipimer; mettere a cuocere la pasta nella stessa acqua di cottura della verdura insieme alle cime di rapa restanti.
  3. In una padella sufficientemente larga ad accogliere la pasta scaldare l’olio (senza farlo soffriggere) con due l’aglio lasciato intero, le alici, i capperi e il peperoncino tagliato a metà, privato dei semi solo se non amate molto il piccante.
  4. Quando l’olio è ben profumato versare il passato di cime di rapa quindi unire la pasta e la verdura rimanente e saltare la pasta per uno o due minuti.
  5. La variante salvatempo: potete cuocere le cime di rapa in anticipo e conservarle in frigo senza condimento ma con un po’ della loro acqua di cottura, anche per un paio di giorni. Mettete a scaldare la verdura frullata con la sua acqua e la pasta fresca a cuocere direttamente in essa (aggiungendo altra acqua bollente al bisogno). A metà cottura unire l’olio e gli aromi.