E se ti prende la voglia di Kebab…

Non ho mangiato molto spesso il kebab, solo due o tre volte, però il “concetto” mi piace molto e quando mi prende la voglia, piuttosto che trangugiare quella carne straunta e ricca di glutammato monosodico lo preparo a casa, con quello che ho nel frigo al momento: un ottimo modo per liberare il frigo prima della spesa settimanale! Ed è anche un’ottima idea per il pranzo fuori casa:
Ecco qui come mi piace prepararlo:

Ingredienti:

  • 1 piccola piadina (70g)
  • 100g pollo cotto alla piastra o in brodo o altro avanzo di carne in qualsiasi modo cotta
  • Verdure crude a piacere e volontà (pomodori, carote, cetrioli, cipolla… … )
  • Verdure cotte a piacere (melanzane in agrodolce, oppure zucchine, funghi trifolati,…)
  • Salsine leggere (per me senape mischiata a yogurt magro) meglio se piccanti

Video-procedimento:

Finta pizza

Voglia di pizza ma è troppo tardi per impastare? La vostra pizzeria a domicilio ha il turno di chiusura? siete a dieta e non volete peccare troppo??

La finta pizza è un’ottima soluzione! Ogni tanto anche da Cotto e Mangiato esce fuori qualche buona idea!!! Dedicata a Lilla! Occhiolino

finta pizza

Non vi sembra poi tanto finta??? Effettivamente in alcune zone d’Italia in certe pizzerie il dubbio che servano piadine invece delle pizze resta. Ecco come ho preparato questa.

Ingredienti per due finte pizze:

  • due piadelle Mulino Bianco (70g l’una)
  • 1 mozzarella (120g) tagliata a fettine
  • polpa di pomodoro (6 cucchiai circa)
  • capperi, origano, sale
  • due/tre cucchiai di olio

Procedimento:

  1. Scaldare il grill del forno. Condire la polpa di pomodoro con un pizzico di sale, capperi, origano e un cucchiaio di olio.
  2. Sistemare le piadine sulla leccarda del forno (senza ungerla o usare carta da forno), versare sopra la polpa di pomodoro e adagiarci le fettine di mozzarella. Un giro d’olio e in forno sotto il grill. Giusto il tempo di far sciogliere la mozzarella e dorare i bordi (circa 7/10 min.)

Provatela e ditemi che ve ne pare!

Minestra del cavolo

P1012970

Ingredienti per una persona

  • 1/4 del cuore di un cavolo verza piccolo (o di una verza) già cotta
  • 20g pancetta a cubetti
  • una manciata di uvetta
  • 50g di grano (o riso)
  • 5g di olio
  • acqua calda o brodo q.b.

Porcedimento:

  1. Tostare la pancetta in un pentolino, unirvi quindi un po’ di acqua di cottura del cavolo (per abbassare la temperatura della padella), e quindi tutti gli ingredienti.
    Cuocere fino a che il grano non è cotto e l’acqua ritirata!
    Secondo voi l’ho trovata buona!

P1012973

Chutney alle melanzane

I chutney sono delle specie di marmellate agrodolci originarie dell’India. Il sapore è davvero ottimo (specie se amate il piccante e l’agrodolce in generale), con formaggi o carne di maiale dovrebbe stare benissimo, ma anche come semplice crema per una bruschetta o dei crostini, oppure per dare una nota vivace al vostro panino vegetariano! Quantità di grassi: 0! Grado di soddisfazione: Tanto!!!

P1012928

Ingredienti per due vasetti:

  • 1 melanzana viola (io una normale)
  • 1 pera (io una mela dato che la pera me l’ero giocata con il primo tentativo andato male!)
  • 1 cipolla
  • 20g uvetta ammollata in acqua tiepida
  • 1 peperoncino
  • 3 cucchiai di aceto di mele
  • sale
  • un cucchiaio di miele

Procedimento:

  1. Eliminare parte della buccia della melanzana e tagliarla a dadini, idem per la pera (o la mela) e la cipolla.
  2. In una casseruola inserire tutti gli ingredienti tranne il miele e lasciar cuocere per 30 min. Io ho aggiunto anche circa 100/150 ml di acqua, anche se non era indicato, altrimenti sarebbe bruciato tutto di nuovo.
  3. A fine cottura ho frullato tutto con un minipimer e aggiunto il cucchiaio di miele. Servire in una salsiera oppure conservare in vasetti di vetro. Una ottima scoperta questi chutney!

Orecchiette con le cime di rapa

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per 2 persone:

  • 200g orecchiette fresche
  • 400g di cime di rapa già pulite
  • un pizzico di bicarbonato (facoltativo)
  • 3 filetti di alici sott’olio ben tamponate
  • 1 spiccho di aglio privati del germe interno (la parte verde, che è indigesta)
  • peperoncino
  • capperi (facoltativi)
  • 4 cucchiai scarsi di olio d’oliva (20g)
  • sale q.b.

Procedimento:

  1. In una pentola di acqua bollente salata e con l’aggiunta di un pizzico di bicarbonatoo (per favorire una migliore cottura e digeribilità) mettere a cuocere le cime di rapa, praticando un taglio a croce alla base dei fusti che risultino essere più spessi, in modo da avere tempi di cottura uniformi.
  2. Quando sono cotte, prelevarne una parte (circa un terzo o più) e frullarle con il minipimer; mettere a cuocere la pasta nella stessa acqua di cottura della verdura insieme alle cime di rapa restanti.
  3. In una padella sufficientemente larga ad accogliere la pasta scaldare l’olio (senza farlo soffriggere) con due l’aglio lasciato intero, le alici, i capperi e il peperoncino tagliato a metà, privato dei semi solo se non amate molto il piccante.
  4. Quando l’olio è ben profumato versare il passato di cime di rapa quindi unire la pasta e la verdura rimanente e saltare la pasta per uno o due minuti.
  5. La variante salvatempo: potete cuocere le cime di rapa in anticipo e conservarle in frigo senza condimento ma con un po’ della loro acqua di cottura, anche per un paio di giorni. Mettete a scaldare la verdura frullata con la sua acqua e la pasta fresca a cuocere direttamente in essa (aggiungendo altra acqua bollente al bisogno). A metà cottura unire l’olio e gli aromi.

Tagliatelle con i gamberetti

Il segreto per la ricetta originale di questo piatto è la cremosità, che, ahinoi, la danno i grassi! Ma l’effetto sughetto denso e cremoso si può ottenere anche “risottando” la pasta, ovvero cuocere la pasta direttamente nel sugo, aggiungendo acqua o brodo al bisogno: l’amido rilasciato dalla pasta nella cottura creerà l’effetto cremoso. Provare per credere!

pasta gamberetti

Ingredienti per 2 persona

  • 160g tagliatelle
  • 200g code di gamberetti sgusciati (anche surgelati)
  • mezza lattina di passato di pomodoro (che sia dolce)
  • olio di oliva 4 cucchiai scarsi (20g)
  • prezzemolo
  • aglio
  • sale e pepe q.b.
  • bacche rosa per decorare
  • acqua di cottura della pasta q.b. e brodo granulare di pesce (facoltativo)

Procedimento:

  1. In una padella sufficientemente larga da contenere i gamberi senza che si sovrappongano, sistemare i gamberi con l’aglio, il prezzemolo e qualche cucchiaio di acqua, lasciar sconglelare e colorare di rosa i gamberi.
  2. Aggiungere metà dell’olio e il pomodoro aggiustare di sale e lasciar cuocere con il coperchio a fuoco abbastanza vivace. Il sapore della salsa deve essere piuttosto “dolce” (almeno a me piace così), e molto profumata di pepe e prezzemolo.
  3. Quando i gamberi sono cotti e ben insaporiti (dopo circa 7/10 min.) aggiungere direttamente nel sugo la pasta e mezzo bicchiere di acqua bollente. Insaporire con la punta di un cucchiaino di brodo granulare e cuocere come se fosse un risotto, mescolando più volte ed aggiungendo acqua al bisogno.
  4. A metà cottura della pasta aggiungere l’olio residuo (che potete sostituire con la stessa quantità di burro o margarina volendo) e terminate la cottura. 
  5. Servire spolverando di prezzemolo fresco e con un generoso giro di pepe. Da leccarsi i baffi!

Passato verde

Ecco l’ultima creazione a base delle mie odiate zucchine, nata dalla modifica di una improvvisazione di qualche tempo fa e dal vago ricordo di una ricetta letta su una scatola di un formato di pasta Barilla che non mi piace e che quindi non ho acquistato!

passato di zucchine e patate

Ingredienti per 2 persone:

  • 300g zucchine
  • 300g patate a pasta gialla (1 patata medio-grande)
  • un mazzetto di basilico
  • crostini di pane
  • sale q.b.
  • un filo di olio a crudo (facoltativo)

Procedimento:

  1. Tagliare le zucchine a tocchetti e le patate a cubetti piccoli, in modo che abbiano gli stessi tempi di cottura. Mettere in un pentolino le verdure e un bicchiere di acqua e lasciar cuocere per 10/15 min.
  2. Con un frullatore ad immersione frullare patate e zucchine insieme alle foglie di basilico. Aggiustare di sale e aggiungere un filo di olio a crudo (se gradito).
  3. Servire in ciotole con crostini di pane. A piacere si può cuocere della pasta o del riso all’interno della vellutata stessa.