Cavolfiori stufati con le olive

cavolfiori stufati

Ricetta tratta da Alice Cucina Magazine di Novembre, firmata S.M. Teutonico. Gustosissimi e semplicissima da preparare. Un ottimo contorno o, in porzioni più piccole, un originale e sanissimo aperitivo da accompaganre ad altre verdure. Enjoy!

Ingredienti:

  • 500g cavolfiore
  • 200g olive taggiasche
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • peperoncino
  • olio evo (secondo il vostro piano alimentare)
  • sale

Procedimento:

  1. Pulite il cavolfiore, dividetelo in cimette ed eliminate il torsolo.
  2. Fate imbiondire l’aglio con l’olio in una casseruola, aggiungete il cavolfiore e saltare a fuoco vivo. Dopo 5 min aggiungere le olive.
  3. Regolate di sale, aggiungete un pizzico di peperoncino e proseguite la cottura per altri 10 min. Aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e lasciate che tutto si ammorbidisca e si leghi.
  4. Servire con una buona manciata di prezzemolo.

Questi me li sono pappati con il riso al forno. Spettacolari!

Millefoglie di Pane Carasau

Oggi ricetta furbissima e buonissima. Devo ringraziare la mia amica Daniela per averla segnalata dopo averla a sua volta l’aveva scovata nel blog di Alessia di Muffin, cookies e altri pasticci.

Un piatto veloce, economico, svuota-frigo, buono sia caldo che freddo, ottimo per la pausa pranzo in ufficio, perfetto in estate… Insomma che volete di più dalla vita?

Anche questa ricetta, come di consueto, si trova anche nel mio food-blog principale con traduzione in Inglese, qui però vi do le dosi un po’ più precise e calibrate secondo il piano alimentare suggeritomi dalla mia nutrizionista.

Ingredienti (per 2 porzioni)

  • 160/180g pane carasau
  • 120g scamorza o mozzarella
  • 300g tra pomodori e zucchine
  • 4 cucchiai scarsi di olio (circa 20g in tutto)
  • sale e pepe quanto basta
  • basilico e origano (o altre erbe aromatiche a vostro piacimento) a volontà

Procedimento:

  1. Grattugiate le zucchine con una grattugia a fori larghi direttamente in una ciotola capiente e conditele con basilico spezzettato a mano, sale, una macinata di pepe e metà dell’olio.
  2. In un’altra ciotola, tagliate i pomodori privati dei semi a pezzetti e conditeli con il restante olio e l’origano. Lasciate riposare e insaporire le due verdure per almeno mezzora.
  3. Prendete una teglia da forno e fate uno strato di pane carasau spezzettato. A piacere bagnatelo leggermente con dell’acqua. Tuttavia se lo preferite più croccante, l’acqua rilasciata dalle verdure darà (secondo me) la giusta consistenza, tanto più se utilizzate della mozzarella invece della scamorza.
  4. Cospargete con i pomodori, le zucchine, la scamorza/mozzarella tritata grossolanamente al coltello e un filo d’olio. Schiacciate delicatamente con le mani per compattare il tutto e continuate formando strati di questo tipo fino ad esaurimento degli ingredienti, concludendo con le verdure, i formaggi e il sughetto del condimento.
    millefoglie carasau
  5. Infornate la millefoglie a 180/200° poco meno decina di minuti, giusto il tempo che serve a far fondere il formaggio, e servitela tiepida. (Io la preparo spesso nel fornetto alogeno).

millefoglie carasau

Vi invito a provarla con gli ingredienti più disparati che avete in frigo, soprattutto quelli prossimi alla scadenza che dovete consumare, wurstell, uova sode, peperoni, tonno, … sempre nel rispetto dei vostri piani alimentari!

Vedrete che con un piatto così non vi sembrerà nemmeno di essere a dieta, ve lo garantisco! 

 


Cime di rapa stufate

Uno dei miei piatti preferiti: ne mangerei a chili!

Ingredienti per 4 porzioni

  • 1 kg di cime di rapa già pulite
  • 6 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 10 capperi sotto sale
  • un peperoncino
  • due foglie di alloro
  • due spicchi di aglio
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco

 

DSCN1016Procedimento:

  1. Lavare le cime di rapa ed incidere i pezzi più grossi in modo da uniformare i tempi di cottura.
  2. In una pentola abbastanza alta da contenere tutta la verdura cruda, scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, senza farlo soffriggere, aggiungere la verdura, un pizzico di sale e coprire con il coperchio e cuocere a fuoco moderato. Non è necessario aggiungere acqua. Girare di tanto in tanto.
  3. Quando la verdura inizia ad ammaccarsi (dopo circa 10 min.) aggiungere anche i capperi ben sciacquati e le foglie di alloro. Lasciar cuocere per altri 30 min o comunque il tempo necessario perché tutta la verdura sia tenera e cotta.
  4. Aggiungere quindi il vino e terminare la cottura a fuoco vivo per altri 10 min.
  5. Servire possibilmente a temperatura ambiente.

Pomodori farciti al forno

Sfido chiunque a dire ancora che un pitto light non può essere gustoso, appetitoso e saziante dopo aver provato (oltre a svariate ricette su questo blog) questi pomodori farciti. Golosi ed appetitosi, adatti all’estate, si presta a svariate varianti per venire incontro anche ai gusti dei vegetariani (e vegani) o di chi ha delle intolleranze, ed è un’ottima maniera per svuotare il frigo e riciclare qualche avanzo di risotto o di brodo di carne, per non parlare del fatto che può essere un’idea carina per un pranzo con le amiche, anche con quelle che non sopportano le diete!

pomodori farciti al forno

Ingredienti per 2/3 porzioni:

  • 4/6 pomodori grossi
  • 160g carne macinata (io carne cotta in brodo)
  • 80g riso a grana lunga
  • 120g piselli
  • 1 carota
  • 1/2 cipolla
  • prezzemolo
  • poco olio 
  • brodo
  • sale e pepe

Procedimento:

  1. Lavare ed asciugare i pomodori. Tagliare la calotta dalla parte del picciolo ed eliminate dalla base una fettina sottile in modo che i pomodori si mantengano dritti. Svuotateli con un cucchiaio, salateli leggermente e lasciateli capovolti su un canovaccio per qualche minuto.
  2. Mettere nel mixer la carne (a meno che non sia già tritata) e le verdure, insieme alla polpa di pomodoro. Tostare leggermente il riso in una casseruola con poco olio, unire il trito di carne e verdure, e aggiungere brodo quanto basta per cuocere il riso lasciandolo piuttosto asciutto. A
  3. Farcire i pomodori con il “risotto” (buono anche così!), disporre sopra le calottine tenute da parte e infornare per  40 min. a 160°.
  4. Servire guarnendo con sugo di pomodoro fresco e prezzemolo.