Millefoglie di Pane Carasau

Oggi ricetta furbissima e buonissima. Devo ringraziare la mia amica Daniela per averla segnalata dopo averla a sua volta l’aveva scovata nel blog di Alessia di Muffin, cookies e altri pasticci.

Un piatto veloce, economico, svuota-frigo, buono sia caldo che freddo, ottimo per la pausa pranzo in ufficio, perfetto in estate… Insomma che volete di più dalla vita?

Anche questa ricetta, come di consueto, si trova anche nel mio food-blog principale con traduzione in Inglese, qui però vi do le dosi un po’ più precise e calibrate secondo il piano alimentare suggeritomi dalla mia nutrizionista.

Ingredienti (per 2 porzioni)

  • 160/180g pane carasau
  • 120g scamorza o mozzarella
  • 300g tra pomodori e zucchine
  • 4 cucchiai scarsi di olio (circa 20g in tutto)
  • sale e pepe quanto basta
  • basilico e origano (o altre erbe aromatiche a vostro piacimento) a volontà

Procedimento:

  1. Grattugiate le zucchine con una grattugia a fori larghi direttamente in una ciotola capiente e conditele con basilico spezzettato a mano, sale, una macinata di pepe e metà dell’olio.
  2. In un’altra ciotola, tagliate i pomodori privati dei semi a pezzetti e conditeli con il restante olio e l’origano. Lasciate riposare e insaporire le due verdure per almeno mezzora.
  3. Prendete una teglia da forno e fate uno strato di pane carasau spezzettato. A piacere bagnatelo leggermente con dell’acqua. Tuttavia se lo preferite più croccante, l’acqua rilasciata dalle verdure darà (secondo me) la giusta consistenza, tanto più se utilizzate della mozzarella invece della scamorza.
  4. Cospargete con i pomodori, le zucchine, la scamorza/mozzarella tritata grossolanamente al coltello e un filo d’olio. Schiacciate delicatamente con le mani per compattare il tutto e continuate formando strati di questo tipo fino ad esaurimento degli ingredienti, concludendo con le verdure, i formaggi e il sughetto del condimento.
    millefoglie carasau
  5. Infornate la millefoglie a 180/200° poco meno decina di minuti, giusto il tempo che serve a far fondere il formaggio, e servitela tiepida. (Io la preparo spesso nel fornetto alogeno).

millefoglie carasau

Vi invito a provarla con gli ingredienti più disparati che avete in frigo, soprattutto quelli prossimi alla scadenza che dovete consumare, wurstell, uova sode, peperoni, tonno, … sempre nel rispetto dei vostri piani alimentari!

Vedrete che con un piatto così non vi sembrerà nemmeno di essere a dieta, ve lo garantisco! 

 


Annunci

minestra di merluzzo

minestra di merluzzo

Quella che vi presento oggi è una coccola autunnale. Una rassicurante minestra (a me questa piace poco brodosa) a base di verdurine e merluzzo, la cui gustosità deriva proprio dal cuocere in poca acqua tutti gli ingredienti in modo che i sapori restino tutti belli concentrati nel vostro piatto e non dispersi in un brodo troppo allungato. Una specie di pasta risottata insomma.

Ingredienti per 2 persone:

  • 100g tempestina o midolline
  • 300g merluzzo (per le preparazioni last minute va bene anche quello congelato)
  • una carota
  • una costa di sedano
  • mezza piccola cipolla
  • una patata
  • due/tre cucchiai scarsi di olio evo
  • sale q.b.
  • acqua calda q.b.
  • a piacere altre verdure sminuzzate per rendere la minestra un piatto unico

Procedimento:

  1. Mettere a cuocere in un pentolino sufficientemente grande il merluzzo con circa un litro di acqua e le verdure tagliate  a piccoli pezzi, aggiustare di sale.
  2. Dopo pochi minuti di cottura aggiungere la pasta in modo che arrivi a cottura insieme al pesce. Aggiungete acqua calda al bisogno man mano che viene assorbita dalla pasta. A circa due minuti dalla fine aggiungere anche l’olio se non lo gradite a crudo. Quindi servire!
  3. Piccoli accorgimenti: non salate molto il brodo, non essendo una minestra molto diluita, se esagerate rischiereste di trovarmi una pietanza troppo salata, meglio aggiustare di sale a cottura quasi ultimata. Se preferite potete spezzettare il pesce frantumandolo durante la cottura. Questo lo renderà anche adatto a dei bambini. Io l’adoro!!!

Grano al prosciutto e melone

Un piatto unico se si può dire, l’ideale sarebbe accompagnare con altre verdure, magari crude e fresche ed eliminare la porzione di frutta prevista perché presente già nel piatto! Sicuramente un piatto che ispira durante l’estate, da mangiare sia caldo che freddo. Se vi sentite poco propensi alla sperimentazione potete provare a farlo con la zucca il prossimo autunno, il sapore è molto simile (e sarebbe a tutti gli effetti un piatto unico! Occhiolino).

grano al prosciutto e melone

Ingredienti per porzione:

  • 60/80g grano (o riso)
  • 150g melone cantalupo (retato a pasta arancio)
  • trito di cipolla
  • 70g prosciutto crudo
  • brodo q.b.
  • due cucchiai di olio (circa 10g)
  • sale
  • prezzemolo
  • 15g di parmigiano per mantecare

Procedimento:

  1. Procedere come per un normale risotto: tostare il grano con un cucchiaio di olio e la cipolla (aggiungere un cucchiaio di acqua per evitare un soffritto forte),  parte del melone tagliato a pezzi ed il brodo al bisogno.
  2. Continuare a mescolare e aggiungere brodo quando necessario. A qualche minuto dalla cottura aggiungere altro melone tagliato a pezzi (quello messo all’inizio sarà sicuramente sfaldato) parte del prosciutto cotto per insaporire e il restante olio. 
  3. Nel frattempo cuocere sulla piastra una o due fette di prosciutto crudo per farle diventare croccanti.
  4. A cottura ultimata mantecare con del del parmigiano grattugiato.
  5. Servire il grano guarnendo con il prosciutto crudo croccante e spolverate di prezzemolo. Per completare il pasto abbinare delle verdure.

Cous cous in agrodolce… che squisitezza!

Diciamo che quello che vi do oggi è uno spunto da cui partire, mantenendo però i “capisaldi” della preparazione: condimento con aceto e olio, uvetta (meglio se ammollata in aceto) e abbondanti erbe aromatiche mediterranee, in particolare menta. Preferibilmente utilizzate delle verdure in agrodolce oppure sottaceti.

Molto molto più appagante (e per certi versi economico) delle insalate di riso. Un piatto adatto anche all’estate.

P1010204
Ingredienti per 2 porzioni
(le proporzioni sono variabili secondo il gusto e i piani alimentari):

  • 100g di cous cous precotto
  • 2 petti di pollo (250g circa)
  • 2 zucchine o altra verdura
  • verdure sott’aceto o giardiniera
  • 100g ceci precotti
  • menta e/o basilico o altre erbe aromatiche
  • 30g di uvetta (sostituisce la porzione di frutta prevista nel piano alimentare)
  • olio (secondo il proprio piano alimentare)
  • uno o due cucchiai scarsi di aceto bianco (o di mele)
  • un pizzico di curcuma o zafferano (facoltativo)
  • sale q.b.

Procedimento (tempo di preparazione 10 min.):

  1. Preparare il cous cous secondo le indicazioni della confezione, aggiungendo nell’acqua un pizzico di curcuma (solo per dare un colore più acceso).
  2. Scaldare una padella e cuocerci il pollo senza grassi. Nel frattempo grattuggiare le zucchine con una grattugia a fori larghi.
  3. Quando il pollo è cotto toglierlo dalla padella e versarci dentro per pochissimi minuti le zucchine per farle appassire leggermente. Salare.
  4. Sminuzzare le verdure sott’aceto, il pollo e unire tutti gli ingredienti al cous cous.
  5. Condire con un cucchiaio di olio e di aceto e profumare con abbondante menta o basilico.

Questo cous cous è ottimo da portare in ufficio: si prepara in pochissimo tempo (10 min.), non è necessario scaldarlo, è buonissimo e non appesantisce troppo pur dandovi un buon senso di sazietà. Provatelo e mi ringrazierete!

Pasta e fagioli un po’ diversa

Ieri un’amica e passata a trovarmi per pranzo, allora ho deciso di arricchire in maniera un po’ diversa (e al mio solito svuotafrigo) la pasta e fagioli che avevo in programma. Voto? 10+scarpetta!!! ahahahaha

Ingredienti per due persone:

  • 100g pasta piccola 
  • 250g fagioli cannellini cotti
  • 40g speck (o pancetta)
  • 10g olio (anche 15g dipende quanto condite le verdure di accompagnamento e dal vostro piano alimentare)
  • 4 pomodori secchi (se sott’olio tamponateli)
  • qualche ago di rosmarino
  • aglio

Procedimento:

  1. Mettere a cuocere la pasta e nel frattempo in una padella ben calda tostare lo speck tagliato a listarelle senza aggiungere altro olio.
  2. Quando lo speck ha cambiato colore aggiungere i fagioli,l’aglio in camicia, i pomodori secchi spezzettati e il rosmarino. Infine aggiungere l’olio e cuocere per altri due o tre minuti (se però gradite il sapore dell’olio crudo, potete aggiungerlo alla fine).
  3. Scolare la pasta al dente, condirla con i fagioli aggiungendo se la si desidera più brodosa qualche cucchiaio di acqua di cottura. Accompagnare con un’insalata verde.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ stata ottima, la mia amica che non è a dieta ha fatto la scarpetta!!! Occhiolino

Tagliatelle con i gamberetti

Il segreto per la ricetta originale di questo piatto è la cremosità, che, ahinoi, la danno i grassi! Ma l’effetto sughetto denso e cremoso si può ottenere anche “risottando” la pasta, ovvero cuocere la pasta direttamente nel sugo, aggiungendo acqua o brodo al bisogno: l’amido rilasciato dalla pasta nella cottura creerà l’effetto cremoso. Provare per credere!

pasta gamberetti

Ingredienti per 2 persona

  • 160g tagliatelle
  • 200g code di gamberetti sgusciati (anche surgelati)
  • mezza lattina di passato di pomodoro (che sia dolce)
  • olio di oliva 4 cucchiai scarsi (20g)
  • prezzemolo
  • aglio
  • sale e pepe q.b.
  • bacche rosa per decorare
  • acqua di cottura della pasta q.b. e brodo granulare di pesce (facoltativo)

Procedimento:

  1. In una padella sufficientemente larga da contenere i gamberi senza che si sovrappongano, sistemare i gamberi con l’aglio, il prezzemolo e qualche cucchiaio di acqua, lasciar sconglelare e colorare di rosa i gamberi.
  2. Aggiungere metà dell’olio e il pomodoro aggiustare di sale e lasciar cuocere con il coperchio a fuoco abbastanza vivace. Il sapore della salsa deve essere piuttosto “dolce” (almeno a me piace così), e molto profumata di pepe e prezzemolo.
  3. Quando i gamberi sono cotti e ben insaporiti (dopo circa 7/10 min.) aggiungere direttamente nel sugo la pasta e mezzo bicchiere di acqua bollente. Insaporire con la punta di un cucchiaino di brodo granulare e cuocere come se fosse un risotto, mescolando più volte ed aggiungendo acqua al bisogno.
  4. A metà cottura della pasta aggiungere l’olio residuo (che potete sostituire con la stessa quantità di burro o margarina volendo) e terminate la cottura. 
  5. Servire spolverando di prezzemolo fresco e con un generoso giro di pepe. Da leccarsi i baffi!

Pasta e Patate

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per me la pasta e patate è un tipico comfort food, ossia un piatto che ti riscalda e rincuora, che ti fa sorridere qualunque sia la nuvola passeggera in cielo in quel momento, un piatto dell’infanzia, buono anche freddo a merenda! Ahah!

Ingredienti per 1 porzione:

  • 50g pasta
  • 1 patata medio-piccola (130/150g)
  • 2 cucchiai scarsi di olio evo (10g)
  • 1 cucchiaio di passato di pomodoro (o sugo al pomodoro avanzato, o qualche pomodorino fresco)
  • sedano, carota e cipolla
  • 1 pizzico di brodo granulare (facoltativo)
  • sale q.b.
  • Tanto taaaanto parmigiano grattugiato! (dai 15g ai 45g così inglobate anche il secondo!!!)

Procedimento:

  1. Tagliare le patate a cubetti: non troppo piccoli perché in cottura devono poi sfaldarsi, una misura giusta potrebbe essere di circa 2 cm di lato.
  2. In una pentola fare un finto soffritto acqua, sedano carota e cipolla e a piacere un cucchiaio di olio, dopo poco aggiungere anche le patate e fare insaporire.
  3. Aggiungere il pomodoro, mescolare e aggiungere quindi l’acqua, non troppa, quanto basta a superare le patate di circa un centimetro.
  4. Far cuocere per 15 o 20 minuti (a seconda delle patate): l’acqua deve ritirarsi e formare con l’amido delle patate una crema piuttosto densa. Negli ultimi minuti di cottura aggiungere l’altro cucchiaio di olio.
  5. A piacere cuocere la pasta a parte o direttamente con le patate, aggiungendo acqua calda all’occorrenza.
  6. Servire calda, a temperatura ustionalingua con abbondante spolverata di parmigiano (anche a più riprese!) ma per la verità è buona anche fredda a merenda! ahahaahahah!!!