Focaccia integrale alle bietole (Whole wheat focaccia with beets)

Adoro le bietole, ed adoro metterle in questa focaccia integrale.
Si, lo so che fa troppo caldo per accendere il forno, ma salvatevi ugualmente questa ricetta per le giornate più fresche! 😀

Ma che Bontà

(Click here for the English Version)

Gli anglofoni etichettano con “the Keepers” le ricette “da tenere”, quelle da inserire nel ricettario principale della famiglia e riproporre più volte come una delle ricette preferite e “fondamentali” che non stancano mai.

Questa è per me una di quelle. Di semplice esecuzione, adattabile in base al gusto personale e a quello che c’è in casa, genuina ed addirittura vegana. Buona a merenda come in pausa pranzo in ufficio o addirittura per il pic-nic di pasquetta. E’ anche una ottima idea come secondo da proporre ai vostri ospiti vegani o vegetariani.

La ricetta è frutto di mio adattamento di una ricetta trovata su La Cucina Italiana, presentata come piatto tipico abruzzese (il Calzone alle Bietole). Io l’ho arricchita utilizzando un impasto integrale per la base della focaccia e adattando il ripieno al mio gusto. Provatela e fatemi sapere e soprattutto…

View original post 264 altre parole

Annunci

Rosette di Zucchine alle briciole (Videoricetta)

Un contorno semplicissimo e gustosissimo, amico della linea!

Ma che Bontà

Se seguite il mio blog lo sapete e magari siete stanchi di leggerlo: io non amo le zucchine! Eppure, le utilizzo così tanto in cucina (e con così tanta soddisfazione) che forse sarebbe ora che ammettessi con onestà intellettuale che invece le apprezzo. E invece no. Non mi piacciono, perché da sole, o come piace dire ad alcuni, in purezza proprio non riesco a mandarle giù (ed io sono una di quelle che mangia per educazione tutto!).

Questa è una delle tante ricette in cui amo mangiarle. Vi ho fatto anche la videoricetta! E’ un contorno molto semplice ma d’effetto, dal sapore rustico, ma dall’aspetto sofisticato. Potreste ben servirlo anche in un buffet oppure in un pranzo tra amiche, trovando il giusto equilibrio tra calorie e gusto. Perfetto anche per vegani e vegetariani.

Provatele e mi direte.

Ingredienti per 4 porzioni (*):

  • 2 zucchine medie
  • 100g pangrattato
  • 50g formaggio grattugiato (facoltativo…

View original post 160 altre parole

Due idee (veloci e light) con l’orzo

Adoro i cereali e le miriadi di alternative che possono inventarsi alternative a risotti ed insalate di riso.
Qui due idee velocissime a base di orzo, di cui una completamente vegana.

Ma che Bontà

Se mi seguite da tempo lo sapete che le ricette che preferisco sono quelle svuotafrigo, possibilmente anche che diano la possibilità di rispondere in pochi istanti alla domanda “che preparo oggi?” . Ecco queste due ricettine a base di orzo (e pomodorini) sono nate proprio dalla stessa esigenza. Anzi, dopo averle postate su Instagram (a proposito… mi seguite anche su Instagram, vero?!!) un paio di amici mi hanno messaggiato dicendomi che l’avevano preparata anche loro seduta stante!

Vi propongo due versioni, una vegan l’altra onnivora, entrambe semplici e personalizzabili in base a quello che avete in frigo. Pronti? Via!

Watermark1.526656282816E12.pngInsalata di orzo con crema di ceci (Vegan) (*)

Ingredienti per 2 porzioni

  • 1 vasetto di ceci già cotti (fatti da voi o comprati, non importa)
  • 150g pomodorini (io preferisco i datterini)
  • 120g orzo perlato
  • dado da brodo (facoltativo)
  • 2 coste di sedano
  • olio evo q.b.
  • erbe aromatiche a piacere

View original post 250 altre parole

Tre idee con il pesto

Un’altra idea fresca ed estiva a base di farro, per un piatto unico appetitoso ma leggero: Farro al pesto con pomodorini e feta. Nel post trovate anche altre due ricette a base di pesto ma… più caloriche! 😉

Ma che Bontà

… di cui una ispirata al nostro bel tricolore che in tavola è sempre una garanzia (sia come tradizione culinaria, che come accostamento di colori)! Buona Festa della Repubblica, amici!

Mi piacciono questi posti “multi-ricetta”, da un lato sono molto utili per voi lettori che magari cercate idee per come utilizzare in maniera diversa gli ingredienti che più spesso capita di avere in frigo. Ma sono molto utili anche per me, consentendomi di “smaltire” ricette in attesa di essere postate da diverso tempo e anche ripescare tra i vecchi post qualcosa di interessante che magari può essere sfuggito ai nuovi followers!

Fatemi sapere nei commenti quale ingrediente vorreste fosse il protagonista di un post multiricetta, e sopratutto, voi come usate il pesto in cucina!

Via con le ricette, due vegetariane e una onnivora, due al forno e una freschissima e velocissima da preparare!

Prima ricetta (vegetariana e veloce): Farro al…

View original post 405 altre parole

Insalata tiepida di farro (Warm spelled salad)

Una bella ricettina personalizzabile secondo le dosi nel vostro piano alimentare perfetta per i prazi in ufficio.
Preparatene due o tre porzioni, vi assicuro che non vi dispiacerà consumare due volte di seguito la stessa pietanza! Per risparmiare tempo potete usare il farro cotto al vapore. Ciao!

Ma che Bontà

(English version in the first comment below)

Oggi una “non-ricetta” ossia una di quelle ricette che potrebbero tranquillamente essere riassunte nel titolo!

Nello specifico il titolo completo sarebbe: Insalata di Farro cotto nel latte, con zucchine alle erbe mediterranee, prosciutto cotto alla brace e fontina.

E’ tutta lì ed è buo-nis-si-ma, semplicissima e versatile. Si prepara in 10 minuti (+ il tempo di cottura del farro), si conserva in frigo per un paio di giorni, è ottima come pranzo leggero, nel vostro lunch box in ufficio o per un pranzo al sacco, addirittura va bene anche in un buffet, servita in bicchierini o come ripieno di pomodori ramati. Provare per credere.

Una cosa occorre però sempre tenere a mente con ricette così semplici o in cui si utilizzano pochissimi ingredienti: è importante scegliere con cura la materia prima, affinché sia di buona qualità, gustosa e fresca!

IMG_20180405_112231.jpgIngredienti per 4 porzioni

View original post 176 altre parole

Il dessert più furbo che c’è, fresco, light, appagante e facile da preparare. Il vostro momento gelato tutte le volte che volete anche se siete a dieta. In più da una banana ricavate due “gelati”, dimezzando le calorie ma raddoppiando la durata del vostro spuntino! Provare per credere! Scoprite la ricetta sul blog di Ravanello Curioso!

ravanellocurioso

Bentrovati amici Ravanelli. Non lo dico più che “prima o poi la smetto di pubblicare gelati, ghiaccioli, sorbetti e & co“, almeno fino a quando le temperature estive non saranno scese sotto i 100 gradi. E così vi torturo con la nuova proposta: la Banana Gelée!

Qualche giorno fa mi è tornato alla mente un dolcetto che mangiavo da piccola: lo stecco-banana del supermercato e ne mantengo ancora oggi un buon ricordo, nonostante io ami pochissimo le banane (sia per gusto, sia per le politiche di produzione, distribuzione, ecc … ecc…) e ne compri praticamente MAI.

Detto-fatto, solo per onorare quel ricordo lontano, ho deciso di auto-produrmi la banana gelata! E, ve l’assicuro, è persino più facile che comprarla, è di una semplicità disarmante ed è una vera golosità. Ma c’è di più: quando addentate la vostra Banana Gelée, si scioglie in bocca che è una meraviglia. Guardate…

View original post 345 altre parole

Torta di barbabietole al cioccolato (senza uova )

Non posto una ricetta da parecchio, il che significa che non ho fatto grossa attenzione alla dieta, mio malgrado!

Ad ogni modo voglio rimettere tutto un po’ in ordine anche se magari non avrò molto tempo per sperimentare (e quindi postare) nuove ricette.

Giustamente starete pensando “belle intenzioni hai se riparti con una torta al cioccolato!!!” Nyah-Nyah

In effetti questa è una torta particolare, non prevede l’uso di uova e volendo possono non essere utilizzati i latticini. Le calorie ci sono, perché c’è parecchio zucchero, ma togliendo la peccaminosa glassa al cioccolato, può diventar un dolce per la colazione alternativo e più leggero. Al posto delle uova??? Barbabietole rosse!!!

DSCN0543

La ricetta l’ho presa da questo blog, non perché condivida questo stile alimentare, ma per venire incontro ad un’amica che non può mangiare le uova. Le dosi sono suffiecienti per due tortine di circa 22 cm diametro.

Il risultato è stato sorprendentemente buono e soprattutto gradito anche da chi problemi di intolleranze non ne aveva.

Allora facciamoci gli auguri con questo dolce meno peccaminoso di altri e buoni propositi di vita sana a tutti!

Ingredienti:

  • 260g di farina 00
  • 450g di zucchero (metà di canna e metà semolato)
  • 150g di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito
  • 500g di barbabietola cotta e grattugiata
  • 450ml di olio di mais
  • 400ml zymil
  • la scorza grattugiata di un’arancia
    Per la ganache di copertura (di una tortina di 22 cm)
  • 200ml di panna vegetale
  • 250g di cioccolato fondente tritato

Procedimento:

  1. Grattugiare la barbabietola e passarla al minipimer per renderla ancora più cremosa quindi mischiarla all’olioe al latte.

  2. Versare in una ciotola farina, cacao e il lievito setacciati e lo zucchero e miscelare per bene, quindi unire le polveri al composto di barbabietole, mescolare per bene e versare negli stampi.

  3. Cuocere in forno già caldo per 30-40 min. (dipende dalla grandezza), per verificare la cottura fare la prova stecchino. Per mantenerla bella umida, togliere dal forno quando sullo stecchino restano attaccate tre o quattro bricioline, e non quando lo estraete perfettamente pulito!

  4. Lasciar freddare quindi sformare e posizionare su una gratella per dolci.

  5. Preparare la ganache: scaldare la panna in un pentolino e sciogliervi all’interno il cioccolato (a fuoco spento). Quando il cioccolato è ben sciolto versare la ganache sulla torta facendola colare dai bordi. Decorare a piacere con confettini dorati.

La consistenza e morbida e l’interno si mantiene umido come potete vedere dalla foto.

IMG_20120101_213501