E se siamo noi ad invitare?

In un post precedente ho parlato di come gestire i momenti di socialità, dagli inviti fuori, ai ricevimenti, ecc.

Dato che una dieta può durare mesi, non è pensabile che in questo lasso di tempo dobbiamo rinunciare ad essere delle buone padrone di casa e a ricevere gli amici per pranzo o cena. Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarci a gestire queste occasioni.

Come al solito seguire una dieta varia e completa di tutti gli alimenti è già un vantaggio e consente maggiore libertà! In più ricevere in casa vostra anche questo può giocare a vostro favore; decidete voi il menù, la vostra porzione, se e quanto condimento aggiungere, ecc. Se potete organizzate un pranzo, invece che una cena, in modo da smaltire le calorie in più con una passeggiata dopo che gli ospiti saranno andati via! Occhiolino 

I nostri ospiti non vorranno di certo:

  • vedere una padrona di casa che mangia qualcosa di diverso da tutti gli alti
  • sentirsi loro stessi a dieta (ma nemmeno rotolare a fine pasto)!

Dunque assolutamente inutile dire che si è a dieta, bla bla bla… anche perché attireremmo ancor più l’attenzione e l’invito (spesso suadente) degli amici a lasciarci andare che non abbiamo bisogno di dimagrire!
Preparate qualsiasi cosa gli amici e l’estro del momento vi suggeriscano! Cercate di non abbondare con l’olio in generale, ma non lasciate i piatti insapori (e questo ospiti a parte!!!). Quello che dovete fare è limitare la vostra porzione! Non quantità da uccellino, badate! Ma leggermente inferiori a quelle che consumate di solito (es. 10/20g in meno di pasta, o di carne).

In più preparate un bel pinzimonio di verdure (verdure tagliate a bastoncino + salsine in cui intingerle) e servitelo insieme ad altri antipasti e anche tra una portata e l’altra. Il pinzimonio è ottimo a prescindere, ma nello specifico serve a voi per sgranocchiare della verdura (senza salsina) mentre gli altri gustano formaggi, salumi, pane, grissini… … … Vino: un bicchiere!

Per il dolce (a meno che non lo portino i vostri ospiti) optate per le monoporzioni! Servite il dolce in coppette (ad es. un tiramisù) e preparate la vostra porzione in modo che sia esteticamente uguale alle altre, ma più leggera (es. per il tiramisù usate lo yogurt al posto del mascarpone, ma solo nel vostro!; per la zuppa inglese aggiungete meno crema o un budino fatto con latte scremato… ecc.). Se invece optate per il dolce “a fette” o i pasticcini, ovviamente anche qui porzioni più piccole (ma in questo caso darete di più nell’occhio!!!).

Non saltate i pasti successivi (a parte la merenda, compensata dal dolce!), è un errore da evitare perché la cadenza ritmica dei pasti tiene sveglio il metabolismo. Seguendo questi piccoli accorgimenti non sarà necessario, tanto più se fate due passi una volta andati via i vostri amici (o insieme a loro) oppure aumentate leggermente l’attività fisica nei giorni successivi (e/o precedenti).

Buoni inviti a tutti! A bocca aperta

Annunci

Un pensiero su “E se siamo noi ad invitare?

  1. Pingback: bicchierini Capresi light « A dieta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...