Come gestire il pranzo fuori casa mentre si è a dieta

Un problema comune a molte che sono a dieta è la gestione del pranzo fuori casa nei periodi di dieta.

Io devo dire che su questo fronte partivo avvantaggiata perché avevo già preso l’abitudine di prepararmi il pranzo da casa prima di uscire. Non ci serve molto tempo (sempre compatibilmente con gli orari di levata ed uscita!) un quarto d’ora al massimo.
Io per es. ho un bollitore elettrico, quindi l’acqua bolle in un minuto, scelgo un formato di pasta che cuocia velocemente e via! Idem per quando preparo delle fettine di pollo: un attimo!
Vorrei darvi alcuni suggerimenti per il vostro pranzo in ufficio, alle volte basta davvero uno spunto! Direi che tutti i piatti che vi suggerisco si possono mangiare freddi e soprattutto preparare dalla sera prima.
Io in ufficio posso disporre del frigo, ma ho anche comprato una borsetta frigo per un periodo in cui quello fu guasto!
Se riuscite coni vostri colleghi potete fare una colletta e comprare un fornetto a microonde, serve solo che riscaldi, quindi con 40€ ne uscite fuori!

Ma veniamo ai consigli pratici su cosa mettere nella borsetta del pranzo!
(N.B.: consentito un cucchiaio scarso di olio –5/7g- e aromi a volontà come condimento):
1. un’insalata con mozzarella e due fettine di pane o crakers integrali (potete anche passare in un supermercato e comprare le vaschette già pronte ed una mozzarella)
2. patate lesse o fagiolini lessi con delle uova sode/tonno al naturale/manzotin/prosciutto + 30g pane o crakers integrali
3. 70g di pasta (cotta al mattino) con salmone o tonno + aromi e un po’ di olio aggiunti a crudo. (io ho delle vaschette a due scomparti, in metà metto la pasta e in metà l’insalata) + un frutto o dei finocchi.
4. Petti di pollo cotti al mattino con insalata mista o patate lesse.
5. se ne avete preparato ad es. il giorno prima riso e lenticchia e buono anche freddo!
6. una frittatina fatta in padella antiaderente con pochissimo olio 1 uovo, zucchina, un cucchiaio di grana e un cucchiaio di pan grattato, da consumare o con un’insalata o in mezzo a due fette di pane in cassetta.
7. Ogni tanto un panino (60g) con prosciutto (70g) + pomodorini o lattuga

Per gli spuntini io consiglio di portarsi se possibile qualcosa da casa, si risparmia e non si viene troppo tentati dalle macchinette!!! Oppure se avete un vostro cassetto tenete lì dei pacchetti di crakers, dei pavesini o dei succhi di frutta! Nel frigo (se c’è) tenete degli yogurt, anche quelli da bere che sono più pratici. ATTENZIONE! Se avere tanta roba vicino vi induce in tentazione, non tenete niente in ufficio!!! portatevi da casa solo quello che vi spetta nella giornata!
Quindi due spuntini da scegliere ( a rotazione) tra un frutto, un succo, pavesini, crakers integrali, 30g wafer, cappuccina s.z., spremuta, barrette integrali.

Se i colleghi ci invitano al bar: una spremuta, un succo, un te, un cappuccino senza zucchero. Se proprio dovete accettare quel cornetto optate per uno piccolo (o metà) vuoto o alla marmellata! Ma che non sia un’abitudine!!! 😉
Vi invito a leggere anche tra i primi post i consigli su come gestire le occasioni di “socialità” e gli inviti a cena!

Annunci

2 pensieri su “Come gestire il pranzo fuori casa mentre si è a dieta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...